Nokia e Sony Ericsson crescono nei cellulari

Network
0 0 Non ci sono commenti

Motorola in calo e Samsung stabile numero tre. Il mercato tira: +14%

La crescita mondiale del mercato dei cellulari parte da Oriente, da Cina e Giappone, e registra nel primo trimestre di quest’anno una crescita del 14 % rispetto all’anno precedente.
Europa occidentale e Nord America sono in rallentamento dopo il boom di vendite dello scorso periodo natalizio.
Lo rivelano gli ultimi dati resi noti da Gartner. Gli analisti di Gartner si spingono a fare anche una previsione per tutto l’anno in corso . La crescita rispetto al 2006 sarà del 16% e si arriverà a 1,15 miliardi di unità vendute. La buona partenza di questo inizio anno che ha svuotato i magazzini dei prodotti della stagione 2006 sembra di buon auspicio.

Naturalmente il mondo si divide in due con mercati a rapida e tumultuosa crescita, con la novità del continente africano, e mercati maturi con vendite di sostituzione e tassi di crescita rallentati rispetto agli ultimi due anni.
Nokia ha venduto 92 milioni di cellulari nel primo trimestre di quest’anno tenendo saldamente il primo posto per quote di mercato (quasi il 36%). Nella gamma di Nokia sono i terminali multimediali a incontrare il favore degli utenti con 8 milioni di unità vendute. Nella fascia media in luce i modelli 5200 e 5300 con i nuovi 6300. Finalmente sembrano essere partite le vendite anche degli smartphone professionali della serie E con un milione di pezzi venduti al canale.
A fare le spese della crescita di Nokia è ancora una volta Motorola, il cui inizio d’anno è stato in salita con 47,5 milioni di unità vendute e una quota di mercato (18,5%) in decremento di tre punti rispetto allo scorso anno. Il canale di vendita ha accumulato inventario, mentre l’utente finale è stato solleticato da campagne di riduzione di prezzi. Per gli analisti di Gartner la sofferenza di Motorola continuerà anche nel prossimo trimestre, in attesa di una ripresa per la seconda metà dall’anno quando la nuova generazione di Razr (Razr2) raggiungerà il mercato.
Le vendite di Samsung hanno raggiunto 32 milioni di unità nel primo trimestre di quest’anno . Questo ha consentito alla società coreana di mantenere inalterata al 12,5 % la sua quota di mercato rispetto al medesimo periodo del 2006. Gartner approva la ricetta Samsung per cellulari ricchi di funzioni e di design ultrapiatto. Ma punta il dito verso un problema futuro: il catalogo Samsung è troppo affollato di prodotti simili e dal medesimo look. Il momento felice di Sony Ericsson, iniziato lo scorso anno, è continuato anche quest’anno con un venduto di quasi 22 milioni di unità. La crescita di Sony Ericsson è uniforme in tutti i continenti, dall’Asia all’Europa, con prodotti di successo nella fascia più alta ( K800 e W880) e in quella più economica. Le previsioni di Gartner indicano ulteriori possibilità di crescita.
Dietro Sony Ericsson, Lg realizza vendite per 16 milioni di unità. Lg punta al design come testimonia il modello Prada, ma non riesce a controllare una piccola erosione delle sue quote di mercato.

Analizziamo ora il mercato non per produttore, ma per area geografica.
Nell’area dell’Est europeo e dell’Africa il mercato viaggia a 44 milioni di unità con Turchia ed Egitto in crescita e Russia in rallentamento.
Poco sotto si colloca l’Europa occidentale con 43 milioni di unità ( +4% rispetto al 2006). Qui , in molte nazioni la penetrazione è ormai vicina al 100%. I modelli più venduti sono quelli per il passaggio al 3G.
Sono 41 milioni i cellulari venduti in Nord America . I cellulari beneficiano del successo di At&T e Verizon Wireless, i due maggiori operatori, e , come in Europa, degli upgrade di funzionalità apprezzati dagli utenti. Il tasso di crescita è del 2%.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore