Luci e ombre del green storage

Network
0 0 Non ci sono commenti

L’avanzamento verso il ?green It? è un’esperienza che consente alle
organizzazioni di ridurre costi e danni aziendali. L’industria It, con l’aiuto
di organismi indipendenti, come Snia Europe, ha già fatto grandi progressi
nell’identificare i passi iniziali che possono rendere un data center più
efficiente nei consumi energetici e di raffreddamento.

Molto spesso un tema o unoeidea vengono discusse così di frequente che diventano uno slogan. Dalla salute (l’acqua minerale in bottiglia è più pura di quella del rubinetto) al settore Ict (e qui ci sono anche troppi temi da elencare), basta che ci sia un numero abbastanza grande di persone o di organizzazioni coinvolte in uno sforzo promozionale e subito un concetto o un tema diventano il tema di discussione numero uno nell’agenda di tutti le persone coinvolte.
Nel mondo It l’ultimo esempio di questo fenomeno è l’ambiente. In questo momento è il tema in cima alle agende nelle discussioni della comunità che si occupa di informatica.

Ma si tratta di moda del momento o di realtà? Esiste senz’altro una buona dose di fatti provati dietro questa discussione, soprattutto fatti che hanno fatto diventare l’It verde una materia di preoccupazione a livello di business. Ne possiamo elencare alcuni:
– il limite imposto all’aggiunta di hardware in un data center perché può fargli raggiungere e superare le sue capacità in termini di energia e raffreddamento
– il costo corrente delle organizzazioni che devono provvedere all’alimentazione e al raffreddamento dei data center
– le nuove direttive regolamentari della Ue e delle singole nazioni. La discussione sul ?green It? è salita di livello dai dipartimenti It ai consigli di amministrazione: questa scalata è stata uno dei fattori che hanno contribuito alla rapida diffusione di questo tema. Mai prima d’ora una materia così tecnica era divenuta in così breve tempo oggetto degli interessi dei piani alti del management aziendale.

Senza dubbio questo fenomeno è in parte dovuto al fatto che ?essere verde? è visto come un fattore positivo sulla immagine di un’azienda. Così la preoccupazione che un data center non danneggi del tutto o molto poco l’ambiente sta ora vicina al cuore di molti Ceo.
Ma quanti gestiscono i data center o i Cio sanno comunicare co n efficacia per delineare una strategia verde di successo? Dispongono di tutte le informazioni e dei dati per arrivare a neutralizzare le emissioni di CO2? Gli It manager conoscono quanta energia consumano le loro infrastrutture? Quanta energia spendono per il raffreddamento? Quanto gli costa? Quanti apparati aggiuntivi possono ancora essere ospitati nel data center per sostenere la crescita prevista del business? Hanno mai lavorato a un metrica di efficienza del data center?

Grazie al lavoro svolto dai vendor di storage e di altre apparecchiature It nel corso di questi anni molte soluzioni tecnologiche sono oggi più verdi di quanto si possa pensare, anche se a prima vista questo non è evidente. Il dibattito ecologico non riguarda unicamente energie e raffreddamento. Lo scorso anno e quello precedente tutti i produttori dell’area Ue hanno implementato la direttiva Rohs (Removal of Hazardous Substances) nei loro prodotti e molti paesi europei hanno realizzato procedure di riciclo della spazzatura elettronica.

Uno dei motivi per i quali i data center sono entrati al centro dei problemi dei consumi energetici è l’alta densità dei nuovi componenti: server, storage , networking. Un rack pieno di blade server, ad esempio, può assorbire più di 20 Kw. La stessa cosa vale per i dispostivi di storage. Si tratta di un aumento di quattro, sei o anche otto volte rispetto agli anni precedenti e il data center più datati non sono in grado di seguire questi nuovi requisiti. Quali misure sono a disposizione degli It manager per indirizzare questi problemi? I media hanno dato resoconti approfonditi sugli sviluppi di questo dibattito e molte informazioni si possono trovare facilmente su Internet. Tuttavia, per fornire alle organizzazioni informazioni al di sopra delle parti e indipendenti dai fornitori, Snia ha da poco formato una Task Force per il Green Storage e un gruppo di lavoro tecnico su questo argomento. Ne è derivato un tutorial che l’associazione ha posto al servizio dei professionisti It più coinvolti in questi temi. L’industria dello storage ha introdotto nuove tecnologie e nuove architetture che permettono di risparmiare costi ed energia nei data center. Ne sono alcuni esempi i drive Sas (Serial Attached Scsi) da 2.5 pollici che apportano una riduzione importante dei requisiti di consumo energetico e di raffreddamento. La deduplicazione dei dati, la virtualizzazione e il consolidamento dello storage possono ridurre la quantità di spazio fisico necessaria, riducendo così l’hardware e in ultima analisi riducendo i costi operativi e in conto capitale.

Oltre alle iniziative della Snia, vorrei segnalare l’iniziativa ?Green Grid? (www.thegreengrid.com ) come altra fonte informativa per i data center. L’avanzamento verso il ?green It? è un’esperienza che consente alle organizzazioni di ridurre costi e danni aziendali.

L’industria It, con l’aiuto di organismi indipendenti, come Snia Europe, ha già fatto grandi progressi nell’identificare i passi iniziali che possono rendere un data center più efficiente nei consumi energetici e di raffreddamento. Nel corso del tempo saranno definite nuove metriche in modo che le organizzazione possano scoprire il loro consumo di CO2 e prendere i provvedimenti più adatti. Nel frattempo l’impiego di tecniche come la deduplicazione dei dati, il thin provisioning e l’archiviazione su nastro consentono già fin d’ora ai data center di diventare più amici dell’ambiente.

di Juergen Arnold, Chairman, Snia Europe, www.snia-europe.org

———————————————————————————–

Snia Europe , il ramo europeo della Storage Networking Industry Association, organizza a ottobre l’edizione 2007 di Storage Networking World Europe. Si tratta di un evento completamente indipendente rivolto alla comunità europea degli utenti di sistemi di storage con percorsi educativi, dimostrazioni di soluzioni e sessioni pratiche ( Hands-on Lab) per It manager e professionisti.
Tra i temi di Snw Europe 2007, lo storage verde e i data center.

———————————————————————————–

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore