Le promesse della deduplicazione dei dati

Network
0 0 Non ci sono commenti

I dati crescono e bisogna liberare spazio. Una soluzione che non è adatta a
tutti

I prezzi dello storage scendono, ma i dati da archiviare e proteggere aumentano. E se qualcosa potesse liberare spazio di storage con un fattore uno a venti? Sono queste le promesse della deduplicazione. Ma quando arriva alle soluzioni disponibili sul mercato l’utente si imbatte in molti vendor, ognuno con la usa soluzione specifica. Come fare?
Prima di tutto gli esperti mettono un punto fermo. La deduplicazione è una soluzione che sembra adatta a tutte le aziende, ma solo le imprese con almeno qualche Terabyte da proteggere con backup possono esaminare questo tipo di investimento.
Seconda considerazione: la compressione che si raggiunge varia da 10 a 1 a 20 a 1, ma i valori variano in funzione del tipo di file da trattare e dei metodi di backup.
Una terza considerazione riguarda il luogo in cui sono conservati i dati da trattare: in siti distribuiti o in un data center centralizzato?

Non esiste un’unica soluzione per tutto. I fornitori di soluzioni di Virtual Tape Library (Vtl) aggiungono la deduplicazione alla loro offerta di software per il backup. I nomi sono: Diligent, Data Domain, Falconstor e Quantum. Altri, come Emc e Symantec, promettono di eliminare la duplicazione dei dati alla sorgente, eliminando alla radice la necessità del backup.
Tutti i fornitori lavorano attorno a un concetto molto semplice, eliminare i blocchi di dati ridondanti, ma lo fanno con tecniche diverse che influiscono poi sui tempi di backup e restore.
In generale i vendor di Vtl pensano ai data center per offrire alte prestazioni e riduzione di spazio su disco senza interventi che abbiano un effetto dirompente sulla infrastruttura esistente. Altri pensano alla deduplicazione per sostituire le soluzioni di backup negli uffici remoti e puntano sulle operazioni di replica e sul risparmio di banda. Le soluzioni di deduplicazione possono essere utili nella migrazione dei dati da nastro a disco per ridurre l’uso dei dischi e liberare risorse per lo storage primario e secondario. Ancora una volta non tutti i prodotti possono fare tutto e o farlo con il medesimo livello di prestazioni per ogni compito.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore