Il malware affligge la vita delle imprese

Network
0 0 Non ci sono commenti

Secondo Webroot, gli attacchi informatici avrebbero generato blocchi delle
attività nel 43% delle aziende. Il cavallo di Troia è la minaccia più diffusa.

In base alle risultanze del più recente studio degli specialisti di Webroot (fornitore di soluzioni antispyware), le minacce informatiche continuano ad affliggere le aziende, ma sta crescendo la consapevolezza dei danni che ne derivano. In generale, l’impatto finanziario degli attacchi è considerevole, tant’è vero che nel 46% delle società monitorate il servizio di assistenza informatica è chiamato a dedicare un tempo crescente per neutralizzare il malware. Nel 43% dei casi, si è registrata un’interruzione del funzionamento dell’It e in un numero paragonabile di casi viene lamentata una riduzione della produttività degli impiegati.

Webroot stima che il costo totale dovuto a malware per un’impresa con 14mila posti di lavoro si attesta sui 39mila dollari all’anno. Le tipologie di attacco sono diverse. La grande maggioranza delle imprese viene colpita da spyware, pubblicità indesiderate, virus e phishing. Ma sono presenti anche attacchi più complessi. Il 39% delle aziende, infatti, è oggetto di attacchi con cavalli di Troia e quasi il 20% subisce minacce via keylogging.

I siti Web restano il più importante vettore di diffusione. Fra i 250 milioni di siti analizzati da Webroot, 4,2 milioni ospitano malfare e 3 milioni sono stati scoperti nel solo 2006.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore