I contenuti su terminali mobili crescono di poco, Tv e Internet non sono sfruttati

Network
0 0 Non ci sono commenti

Nel 2006 il volume d’affari dei contenuti su terminali mobili è cresciuto
solo del 15%: ma le potenzialità di Tv e Internet in mobilità non sono ancora
state sfruttate. Boom dei servizi indotti dal Web 2.0

I nuovi contenuti per i cellulari arrivano molto più lentamente del previsto, il consumatore non consuma e gli operatori e i provider mobili vedono calare le prospettive di crescita di fatturato, mentre arrivano a maturità i ricavi dal voce e Sms. Ma una ricerca della School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) indica un po’ di luce alla fine del tunnel, mentre il comparto dei contenuti per il consumatore in movimento si trova di fronte a una importante svolta, dal momento che i cambiamenti in atto – Mobile Tv su Dvb-h, Mobile Internet-Web, Mobile 2.0, Mobile Advertising – stanno modificando il paradigma stesso di questo comparto.

Nel 2006 il mercato ha rallentato la sua crescita. Il volume d’affari dei contenuti per la telefonia mobile è cresciuto poco meno del 15%, rispetto a tassi di crescita intorno al 50% degli anni precedenti. Lo scorso anno i player di mercato hanno lanciato in ordine sparso diversi servizi particolarmente innovativi a fronte della saturazione di alcuni segmenti di mercato più ?maturi?, come ad esempio, i contenuti di personalizzazione ( suonerie,ecc..) e l’esaurimento dell’effetto novità in altri segmenti più innovativi, come ad esempio i video. Il mercato ha valutato con maggiore razionalità il ?valore? dei vari servizi a fronte del suo costo. L’indagine dell’Osservatorio della School of Management ha analizzato i vari servizi , alcuni da tempo offerti e altri che si affacciano solo ora tra i consumatori.

Personalizzazione – Dopo anni di boom, suonerie, wallpaper, ecc., si riducono non solo in peso percentuale, dal 35 al 29%, ma anche in valore assoluto. Diverse sono le cause di questo fenomeno: l’inizio di saturazione di alcuni segmenti del mercato; una minore spinta innovativa e pubblicitaria di alcuni player, che stanno valutando questo comparto sempre meno strategico; una maggiore diffusione dei canali alternativi di acquisizione dei contenuti a costo nullo.

Giochi – Crescono più o meno come il mercato nel suo complesso, + 19%, mantenendo quindi il loro peso percentuale costante, pari all’8% circa. Questa dinamica poco brillante è l’effetto di un comparto che non ha ancora trovato il modo di consentire all’offerta esterna ai portali dei carrier di competere al meglio, a causa di condizioni tecnologiche e di tariffazione del traffico dati.

Video & Tv ? Aumenta il peso dei servizi Video & Tv nel loro complesso, che passa dal 9 al 11%, come conseguenza di una crescita in termini assoluti di circa il 40%. Si tratta di una buona crescita che non raggiunge però le attese, a causa sia del limitato impatto sui numeri del mercato della Mobile Tv sulla piattaforma Dvb-h sia della crescita limitata dei servizi basati sulla rete Umts.

Mobile Music – Cresce del 50% circa il volume di vendite della Mobile Music arrivando a pesare circa l’1,5% del mercato complessivo. È un mercato difficile sia per la forte competizione con altri device portatili, sia per la possibilità di scaricare la musica sul proprio cellulare attraverso altri canali che non oecostano? .

Infotainment – Aumentano il loro peso gli altri servizi di Infotainment (news, intrattenimento, borsa, …) dal 38 al 41%. Crescono in termini assoluti nel 2006 un po’più della media del mercato, invertendo la tendenza evidenziata nel 2005. È l’effetto di un aumento dei servizi basati sullo sviluppo delle attività di browsing degli utenti anche in mobilità. Continuano a tenere i servizi basati su Sms .

Servizi di Community– Blog, chat, ecc., hanno registrato un boom nel 2006 spinti sia dalla maggiore maturità tecnologica di reti, piattaforme e telefonini, sia dalla grande ondata di servizi di interazione e community, indotta dal nuovo paradigma del Web 2.0.Mentre i dati sul mercato mostrano un tasso di crescita del 20% circa, il censimento dei servizi e videnzia invece un vero boom di questo comparto, a livello non solo quantitativo, con un numero di servizi cresciuto del 129%, ma anche qualitativo, con la diffusione di servizi particolarmente innovativi per tipologia di contenuti (video in particolare) e piattaforme tecnologiche ( portali mobili, download e upload di video , videochiamate, ecc.).

Sul fronte del Mobile Internet i grandi player stanno investendo molto per portare sul telefonino in modo più fruibile i contenuti già esistenti sul web, rendendo sempre più semplice la navigazione via telefonino sui vari siti. Sulla base di questa analisi quali scena scenari si aprono per il futuro? Gli esperti hanno individuato alcuni fattori che possono condizionare pesantemente gli scenari di medio-lungo termine del mercato dei contenuti mobili.
Il ruolo di Internet in mobilità , e in articolare il web mobile, è destinato ad aumentare pesantemente nei prossimi anni, spinto come è anche dai giganti di Internet e dai produttori di software e terminali. Diverso il caso della Tv in mobilità , la cui evoluzione è molto più legata alla capacità di mettere a punto un’offerta che sia coerente con il canale e realmente di valore per il consumatore, all’interno di uno scenario complessivo, quello delle Tv digitali, che sta esso stesso attraversando importanti cambiamenti indotti dalle diverse piattaforme oramai disponibili (satellitare, digitale terrestre, Ip-Tv, Web Tv).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore