MobilityTablet

iOS 9.3 apre alla multiutenza su iPad

ipad-pro-Feat
0 23 Nessun commento

Tra le novità della nuova versione di iOS c’è anche il supporto di più utenti sul medesimo iPad, ma per ora la funzione riguarda solo il mondo delle scuole

L’iPad fa sempre più cose e ha una connotazione sempre più professionale. Quello di cui diversi utilizzatori sentono ancora la mancanza è però la possibilità di condividere un iPad tra più persone mantenendo separate e protette le varie impostazioni e configurazioni, più ovviamente i dati e i documenti personali. La multitutenza, insomma, che è già possibile avere da anni in OS X. Per Apple il discorso è sempre stato un po’ spinoso: l’iPad viene visto come un oggetto “personale” e la multitutenza non va d’accordo con l’impostazione di oggetto semplice con cui è nato il tablet di Apple.

Ma le cose cambiano (e soprattutto la concorrenza dei Chromebook incalza nelle scuole USA) ed ecco che la prossima versione di iOS, la 9.3, porterà un primo abbozzo di multiutenza. O meglio, porta una multiutenza vera e propria ma solo in ambito scolastico, dove gli iPad con iOS 9.3 saranno gestiti attraverso una piattaforma di device management specifica – lo School Manager – e adotteranno un tipo di account utente “gestito” – il Managed Apple ID – diverso da quello normale. Con queste premesse gli alunni di una classe potranno condividere uno o più iPad (la funzione si chiama proprio Shared iPad) effettuando login e logout dal proprio Apple ID gestito. Parte dei loro contenuti sarà conservato in una cache locale in modo da non doverli scaricare tutti (app, libri, documenti…) dalla rete scolastica al momento del login.

ipadschoolCiò che è stato fatto per le scuole non potrebbe essere reso disponibile anche agli utenti normali? Tecnicamente è molto probabile di sì, ma Apple ha chiarito che questa multiutenza è stata sviluppata solo per il mondo scolastico e non sarà estesa ad altre applicazioni, almeno non in iOS 9.3. Però è prevedibile che prima o poi esca dalle aule, perché è una funzione che a molti utilizzatori – e non solo aziendali – farebbe comodo.

Non c’è solo questa novità in iOS 9.3 ma è la più significativa. Le altre degne di nota sono la possibilità di proteggere le Note con una password o con la richiesta dell’impronta digitale, in modo da poter creare Note con dati importanti, e Night Shift. Questa funzione cambia la tonalità della retroilluminazione dell’iPad in funzione dell’ora del giorno e della posizione geografica: dopo il tramonto infatti non dovremmo essere esposti alla luce bianco-azzurra della retroilluminazione classica da 6.500 Kelvin. Di sera l’iPad passerà quindi a una tonalità di retroilluminazione più calda. Per chi vuole fare già la prova su Mac o su PC c’è una utility gratuita che fa esattamente questo: f.lux.

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Seguici