Record su fibra: quasi 26 Terabit al secondo

Mobility
0 0 Non ci sono commenti

Una collaborazione tra i laboratori di Alcatel-Lucent guidati da Romano
Valussi

La notizia è di un paio di settimane fa e l’annuncio è stato fatto a un convegno scientifico negli Stati Uniti. Alcatel-Lucent ha annunciato di aver raggiunto a livello sperimentale il record mondiale di trasmissione ottica con 25,6 Tbps ( Terabit al secondo) su un’unica fibra utilizzando 160 canali con tecnica di multiplazione in lunghezza d?onda (Wdm). Tradotta in altro modo si è raggiunta una banda passante in grado di trasmettere il contenuto di 600 dvd in un secondo. Il primato precedente era di 14 Tbps , raggiunto nel settembre dello scorso anno. La multiplazione è avvenuta sia in lunghezza d’onda che in polarizzazione. All’esperimento hanno contribuito anche due istituzioni scientifiche giapponesi.
Altri primati di banda fatti registrare nel tempo da Alcatel- Lucent sono stati nel passato i 6 Tbps su distanza transoceanica e i 100 Gbps su una distanza di 2 mila chilometri.

Nel caso del nuovo record, con un sistema sperimentale, i ricercatori hanno trasmesso 25,6 Tbps di dati su tre tratte di 80 chilometri ciascuna. I dati sono stati multiplati in lunghezza d’onda nelle bande C e L. Per raddoppiare la capacità totale i dati sono stati multiplati anche a divisione di polarizzazione. I ricercatori hanno fatto ricorso all’amplificazione Raman distribuita per aumentare il rapporto segnale-rumore in ricezione e sono riusciti a utilizzare una sola fibra per compensare la dispersione nelle due bande d’amplificazione dopo ogni tratta.
La massimizzazione della densità spettrale di informazione, cioè della quantità d’informazione che può essere trasmessa per unità di frequenza disponibile, è stata ugualmente cruciale per il raggiungimento del record mondiale.
I ricercatori dei Bell-Labs americani , che ora fanno parte di Alcatel-Lucent, e dei loro colleghi francesi hanno utilizzato un formato di modulazione avanzato chiamato Rz-Dqpsk per raggiungere una densità spettrale di informazione di 3,2 bit al secondo per Hertz, un progresso notevole rispetto ai sistemi commerciali che funzionano con rendimenti spettrali compresi tra 0,2 e 0,4 bit al secondo per Hertz.

“Le reti ottiche rappresentano un fattore chiave nella rivoluzione della banda larga su Ip che sta cambiando il mondo delle telecomunicazioni, ha affermato Romano Valussi, un italiano che anche prima della fusione in Alcatel era a capo delle attività un campo ottico di Alcatel-Lucent. ” L’esperienza che possiamo fare con questi esperimenti aiuterà la società a realizzare sistemi dotati della maggiore densità spettrale di informazione e della maggior banda passante al servizio degli utenti che beneficeranno di questi successi quando reti commerciali di questo tipo saranno pronte per essere impiegate?.

Yves Grandmontagne, silicon.fr

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore