Microsoft accusa Google di violare i diritti d’autore

Mobility
0 0 Non ci sono commenti

Video, audio, libri e software sarebbero distribuiti senza autorizzazione da
parte degli autori

Microsoft si prepara a sferrare un pesante attacco nei confronti di quello che ormai è considerato il suo principale rivale: Google. Non si tratta di un attacco commerciale o strategico ma di accuse desinate a mettere in luce come la società californiana abbia un atteggiamento troppo disinvolto nei confronti del diritto di autore che tutela i contenuti. Le accuse affermano che Google approfitta dei contenuti creati da terzi: video, audio, libri, software guadagnando sulla loro diffusione e sulla raccolta pubblicitaria relativa senza dovere sostenere i costi di produzione dei contenuti stessi. A dimostrazione di questo atteggiamento ci sono, sempre secondo quanto messo in luce dai rappresentanti legali di Microsoft, le accuse dei network televisivi che hanno denunciato YouTube per avere trasmesso loro contenuti senza autorizzazione e quelle dell’Association of american publisher che ha accusato Google di avere prodotto copie digitali di libri coperti da copyright senza autorizzazione. In sostanza secondo il colosso di Redmond, Google vuole fare la media company senza doversi preoccupare di creare contenuti originali. Naturalmente Google si difende affermando che tutto ciò che fa è in linea con la normativa per il diritto di autore e che quando si sono verificate violazioni esse sono state subito corrette. Il confronto è aperto.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore