L’Europa impone il marchio Energy Star agli stati membri

Mobility
0 0 Non ci sono commenti

Il Parlamento Europeo ha deliberato che le istituzioni dell’Ue e degli stati
che vi appartengono acquistino solo prodotti It con il logo Energy Star.

Per la prima volta nella storia dell’Unione Europea, tutti gli stati membri e le istituzioni che ne fanno parte avranno specifiche comuni in materia di consumi energetici dei prodotti tecnologici utilizzati. Il Parlamento Europeo, infatti, ha deliberato che tutti i soggetti citati possano dora in poi acquistare prodotti It che portano il marchio Energy Star.

Al di là del perseguimento di un processo di standardizzazione, la decisione formalizza un impegno siglato fra Europa e Stati Uniti nel dicembre scorso per convergere su Energy Star. L’obiettivo è di risparmiare, in tre anni, fino a 30 terawatt per ora di energia elettrica, ovvero l’equivalente del consumo elettrico annuale dell’Ungheria.

Lo standard di qualità ambientale è stato creato nel 1992 dall’Agenzia federale americana per l’ambiente (Epa), per far abbassare i consumi energetici degli apparecchi elettrici. Nel 2003, il marchio è stato adottato dall’Ue e degli Usa, estendendosi agli ambienti di produzione. In parallelo, è stato creato un database delle società che hanno adottato il logo. Esso comprende oggi 17 produttori di portatili, 18 di pc desktop, 15 di stampanti e 4 di scanner. La versione 4.0 dello standard dovrà applicarsi entro fine luglio ai pc, mentre l’Epa sta ora pensando a una versione per server room.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore