Hp paga per chiudere la causa civile

Mobility
0 0 Non ci sono commenti

Si tratta della prima conseguenza pecuniaria a seguito dello scandalo delle
intercettazioni

Hewlett-Packard inizia a vedere la luce alla fine del tunnel dello scandalo delle intercettazioni. Il colosso californiano ha infatti deciso di chiudere, almeno dal punto di vista civile, il contenzioso aperto con la procura dello stato Usa a seguito dello scandalo che ha portato alla luce le intercettazioni illegali ai danni dei membri del suo consiglio di amministrazione. Per mettere fine alla causa civile Hewlett-Packard pagherà 14,5 milioni di dollari.

Il raggiungimento dell’accordo non mette fine alle eventuali cause penali che potrebbero accendersi a seguito di denunce dei consiglieri e dei giornalisti oggetto delle intercettazioni che possano ritenersi danneggiati non solo dal punto di vista economico. Nel frattempo, come anticipato da Data Business, Hewlett-Packard potrebbe trovarsi al centro di un nuovo scandalo, questa volta legato a pratiche di insider trading che alcuni membri del top management avrebbero condotto per tutelare i loro patrimoni temendo proprio che lo scandalo delle intercettazioni avrebbe avuto conseguenze sul valore delle azioni della società.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore