Dell XPS 15, display touch UHD e massima portabilità

LaptopMobility
0 1 Non ci sono commenti

Il nuovo ultraportatile Dell XPS 15 è un laptop top di gamma per eleganza, design e scelta dei materiali. Dotazione hardware all’altezza, ma con piccole lacune. Pro e contro nella nostra prova

Abbiamo avuto modo di testare più volte in passato il laptop di fascia alta Dell XPS 13, sia con Windows, sia con Linux Ubuntu preinstallato dal vendor. Dell ha pensato bene di portare le stesse caratteristiche da top di gamma della soluzione 13 pollici, ultraportatile di lusso, anche nella diagonale maggiore e quindi su un 15 pollici (Dell Xps 15) sia in una proposta con display non-touch, sia nella proposta touch con risoluzione UHD, che è quella che noi proviamo. Quella che abbiamo per i nostri test è quindi una configurazione di fascia alta, ma non la migliore in assoluto, tra quelle disponibili a catalogo: prevede 512 Gbyte di storage SSD, mentre Dell Xps 15 è disponibile addirittura con un terabyte di disco SSD.

Per meglio inquadrare la proposta specifichiamo che il modello da noi provato costa circa 2100 euro (Iva inclusa) e si trova già disponibile sul sito italiano di Dell rispondente al codice di vendita CNX5503. La proposta Dell Xps 15 si può acquistare a partire da circa 1590 euro, senza display touch, con Intel Core i5 (e non Intel Core i7) di sesta generazione, senza disco SSD e con metà della RAM disponibile (da 16 Gbyte a 8 Gbyte), ma – nota rilevante – con la stessa soluzione di scheda grafica che non è quella integrata di Intel, ma la proposta Nvidia GeForce GTX 960M con memoria Gddr5 da 2 Gbyte. Entriamo allora nei dettagli della prova.

Dell XPS 15 (9550)
Dell XPS 15 (9550)

Dell Xps 15, design e specifiche

Dell Xps 15 si presenta con il display InfinityEdge, significa un bordo tra cornice e immagine di circa 4mm, con il pannello (nel nostro caso) touch con risoluzione 3840×2160 (UltraSharp 4K), IGZO IPS, mentre chi preferisce risparmiare potrà contare comunque su una risoluzione Full HD. Impressionano di questo display anche i dati di targa, il venditore si vanta dei valori gamut Adobe RGB 100 percento (non del tutto confermati), luminosità da 400 nit (leggermente inferiore dai test), touch con un feedback oggettivamente pregevole e la protezione con vetro Corning Gorilla Glass NBT. Non abbiamo rilievi di sorta su questo pannello che per un utilizzo a 360 gradi non potrà offrire che soddisfazioni.

Dell XPS 15 - tastiera retroilluminata e piano di appoggio in fibra di carbonio
Dell XPS 15 – tastiera retroilluminata e piano di appoggio in fibra di carbonio

Lo chassis è ottenuto da un pezzo unico di alluminio (base e guscio superiore sono entrambi in metallo), la superficie dove è incastonata la tastiera e dove si appoggiano i polsi è realizzata in fibra di carbonio, e si distingue per una texture elegantissima, con una scorrevolezza senza confronto. La tastiera è retroilluminata con i tasti che se non mostrano conformazioni ergonomiche di accoglienza del polpastrello, vantano comunque corsa breve ma buon feedback complessivo.

Anche il touchpad, ampio (oltre 10×7 cm), nel formato 4/3 si rivela sensibile e scorrevole, senza portare ad errori nell’utilizzo. Il guscio, con finitura spazzolata, è in alluminio. Le dimensioni di questo laptop, 35,7×23,5x 1,7cm massimi di spessore, lasciano intuire come anche su un 15 pollici si sia riusciti a lavorare di precisione per contenere gli ingombri. Tuttavia, bisogna comunque fare i conti con un laptop che, proprio per la diagonale importante, pesa già intorno ai 2 Kg pur rimanendo un ultraportatile.

Dell XPS 15 - E' disponibile sia con display Touch UHD, sia con display Full HD, che consuma meno
Dell XPS 15 – E’ disponibile sia con display Touch UHD, sia con display Full HD, che consuma meno

Se scorriamo i profili rinveniamo tutte le periferiche e le interfacce che vorremmo realmente incontrare: blocco Kensington, pulsante e led di rilevamento dello stato di carica della batteria, USB 3.0 PowerShare, lettore di schedine di memoria SD e standard successivi (SD, SDHC e SDXC).

Sul profilo sinistro invece il connettore per l’alimentazione, la seconda presa USB 3.1 di seconda generazione (per un throughput di 10 Gbit al secondo), presa standard HDMI, il connettore USB-C (Thunderbolt 3) e infine la presa per cuffie e microfono (minijack).

Inutile segnalare che il punto di forza di questa dotazione è la presenza di USB-C per collegare, eventualmente, anche la dock Dell Thunderbolt che offre connessione aggiuntiva Ethernet, audio e video. Siamo rimasti invece stupiti e delusi perché non è stata prevista la disponibilità di un sensore di impronte digitali, pensavamo con lo scopo di favorire altri sistemi di autenticazione come Intel RealSense 3D, invece questo non è possibile perché la Webcam HD 720p sulla cornice inferiore del display non è adeguata. Quindi per questo Xps 15 la modalità di autenticazione è esclusivamente tramite Password o Pin, o con le gesture associate a una fotografia, insomma con gli strumenti di Windows 10 ma non Windows Hello.

Dell XPS 15 - E' un ultrasottile per tutti gli utilizzi, lo spessore massimo è di 1,7cm per 2 Kg di peso nelle versioni top
Dell XPS 15 – E’ un ultrasottile per tutti gli utilizzi, lo spessore massimo è di 1,7cm per 2 Kg di peso nelle versioni top

Per quanto riguarda le specifiche tecniche di dettaglio ecco i nostri rilievi. Xps 15 si mostra con una dotazione hardware in questa versione molto equilibrata. Favorita da una buona dotazione di Ram, 16 Gbyte a bordo – non espandibili dall’utente – con storage veloce e un processore all’altezza delle aspettative, Intel Core i7-6700HQ quad-core di sesta generazione (con 6 MB di cache, fino a 3,5 GHz). E’ il comparto grafico discreto a consentire un utilizzo di questo laptop per qualsiasi scopo, anche se GeForce GTX 960M resta una scheda di fascia medio alta, ma non certo il massimo che si possa richiedere a Nvidia in ambito mobile.

Dell Xps 15, esperienza d’uso e giudizio

Arriviamo alle prestazioni. I nostri test PCMark 8, aggiornati all’ultima versione del software disponibile da metà gennaio 2016, in modalità Conventional hanno toccato il punteggio di 2760, relativamente vicino a quello ottenuto da ZenBook Pro UX501 da noi provato con la medesima scheda grafica, ma anche un altro processore e cioè Intel Core i7-4720HQ.

Siamo rimasti invece stupiti perché il comparto storage, che pur dovrebbe essere di assoluto livello non si è mostrato per nulla all’altezza di quanto aveva fatto proprio lo ZenBook UX 501. Non è un limite e non è certo possibile definire questa proposta limitata, ha solo deluso un’attesa, mentre complessivamente XPS 15 si presenta come un laptop che pur con costo non da poco offre moltissimo, a partire dalla qualità costruttiva, dalle opzioni del design, dalla scelta dei materiali e certo, anche per quanto riguarda le prestazioni.

Tra i punti di forza che spostano l’ago della bilancia a favore, segnaliamo proprio la qualità costruttiva e l’ergonomia complessiva, insieme alla dotazione di interfacce. Un vero peccato che non sia stato fornito della migliore dotazione hardware per quanto riguarda il comparto multimediale soprattutto per quanto riguarda la Webcam, un’appena sufficiente 820p, inadeguata per l’autenticazione Intel RealSense 3D. Invece molto bene si comparta il laptop nel suo comparto WiFi con il supporto 802.11 ac 3×3.

Per quanto riguarda l’autonomia di questa soluzione, che non lascia accesso all’utente per quanto riguarda la batteria, segnaliamo che la batteria da 84 Wh, che distingue i laptop con SSD e touch display, da quelli senza display touch, ha garantito circa 7 ore di lavoro senza problemi, un’autonomia inferiore a quella di un MacBook Pro appena estratto dalla confezione.

Oltre a ZenBook UX501, diretto competitor di questa soluzione è inevitabilmente la proposta di Apple MacBook Pro, entrambi questi modelli si riveleranno più veloci per quanto riguarda il trasferimento dei dati.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore