Centrino pensa agli It manager e diventa Pro

Mobility
0 0 Non ci sono commenti

Imminente la disponibilità della nuova piattaforma mobile di Intel (ex Santa
Rosa)

Il segnale è l’annuncio del nuovo marchio Centrino Pro. Intel ha dato il via alle attività di presentazione della nuova generazione di processori Centrino per la mobilità aziendale che si concluderanno tra poche settimane con il lancio dell’intero chipset , dalle Cpu Core 2 Duo più potenti ai nuovi chip di gestione dell’I/O per finire con le connessioni di rete wired e wireless con la presenza opzionale del Wifi di tipo N ( 802.11n), al momento ancora in draft almeno fino alla fine dell?anno. I progetti con Nokia per l’integrazione dell’Umts sono al momento cancellati.

Il Wimax di tipo nomadico sarà soddisfatto con una scheda di espansione. Tre sono le linee guida seguite dai progettisti di Intel e offerte ai produttori di sistemi ( tra i primi Hp,Lenovo, Acer, Sony, Dell) che allineeranno le loro macchine, di tipo business e consumer, entro la fine del secondo trimestre: riduzione dei consumi, connettività wireless con maggiore banda e maggiore distanza di funzionamento e soprattutto gestibilità semplificata a livello aziendale.

Nel corso di quest’anno Intel mostrerà i vantaggi resi possibili dall’estensione delle funzioni più avanzate di gestione remota e di sicurezza dai Pc desktop ai portatili. In sostanza si tratta di estendere anche al mondo mobile la caratteristiche apprezzate dagli It manager della piattaforma Vpro, mentre quest’ultima farà un balzo in avanti entro la fine di quest’anno sui sistemi fissi. In Intel spiegano che in questo modo i dipartimenti It saranno in grado di gestire in modo affidabile e paritario desktop e notebook e di fare fronte anche in modalità senza fili ai tradizionali problemi aziendali di sicurezza, gestione delle risorse e controllo dei costi di manutenzione e intervento. Insomma i notebook saranno protetti in modalità WiFi come i Pc fissi indipendentemente dal fatto che siano accessi o spenti e dalle condizioni in cui si trovano. Qui entrano in gioco le ragioni della tecnologia Intel di Active Management e quella dei fornitori di sistemi di gestione delle flotte aziendali, da Altiris a Landesk, ma in primis Microsoft.

La tecnologia Active Management (Amt 2.5 ) di Intel richiede un piattaforma, che nel caso dei nuovi notebook porta il nome in codice Santa Rosa, dotata di chip set, hardware di rete e software appositamente abilitati e collegati alla rete aziendale.

Con il prossimo chipset Centrino Pro farà un passo avanti anche la collaborazione di Intel con Cisco.
Una nuova versione della wireless suite per il mondo business garantirà i livelli di qualità (Qos) per il servizio voce su Ip e la selezione dell’access point migliore per segnale e numero di client associati.

A riprova dell’interesse suscitato dalle possibilità del nuovo chipset Centrino Pro stanno le oltre 200 installazioni aziendali nel mondo presso utenti con migliaia di personal computer, da Bmw a Capgemini, che hanno già dichiarato di voler adottare l’architettura in maniera definitva. Intel non trascura la sua partnership con Microsoft neppure sotto l’aspetto del sistema operativo Vista e delle prestazioni grafiche richieste dalla Gui Aero. Un modulo opzionale , una Turbo Memory, consentirà agli utenti di apprezzare un raddoppio del capacità di caricamento delle applicazioni di uso più frequente e tempi di avvio del sistema fino al 20 % più veloci.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore