Cause e querele: che succede nel mondo dello storage?

MobilitySoftware
0 0 Non ci sono commenti

Quantum contro Riverbed e Sun contro Netapp, e viceversa

Liti sui brevetti e dispute sulle proprietà intellettuale sono di recente all’ordine del giorno del mondo dello storage. Il proliferare di nuove tecnologie aperte e l’affacciarsi sul mercato di nuove aziende di nicchia sta causando screzi legali tra vendor vecchi e nuovi.

Uno dei casi più recenti riguarda Quantum e Riverbed. Quest’ultima è accusata da Quantum di utilizzare tecniche di deduplicazione dei dati che violano dei brevetti detenuti da Rosksoft, un’azienda acquisita da Quantum. La risposta di Riverbed, che ammette di aver lavorato con Quantum per otto mesi a una soluzione amichevole del problema, è ora ufficialmente di ritenere l’azione legale inconsistente e di aspettarsi di vincere nelle aule giudiziarie della California.
Anche le memorie flash utilizzate nelle popolari chiavette Usb sono oggetto di dispute legali: Sandisk ha addirittura accusano 25 aziende concorrenti di violazione di brevetti.

Ultima in ordine di tempo una disputa sui brevetti che vede coinvolte Sun e Netapp. A dare il via alla querelle è stata Netapp, Sun avrebbe cercato per mesi un accordo . Infine la decisione presa da Jonathan Schwarz, Ceo di Sun, di controaccusare in giudizio Netapp. La controversia riguarda il file system Zfs utilizzato nei dispositivi di Sun che poi ha offerto il software alla comunità open source. Zfs è il file system su cui lavora il sistema operativo Solaris di Sun, lavorando in modo complementare con il sistema digestione dello storage della linea Storedge. La controquerela riguarda invece il file system Nfs e relative licenze. Nfs veniva utilizzato fin dagli inizi dalle appliance di Netapp.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore