INTERVISTE

Bianca Granetto Gartner

Gartner: start up come centri di competenza nelle vecchie aziende

Videointervista – Bianca Granetto, research director di Gartner, parla di innovazione, start up, giovani ricordando l’eccellenza italiana, da Olivetti all’inventore del micro chip. Ma lamenta la mancanza di una vera capacità di industrializzazione

Secondo Gartner, se si parla di innovazione bisogna avere bene le idee chiare di che cosa significa. E’ il punto di partenza con cui Bianca Granetto, direttore ricerca in Gartner , cerca di spronare sia aziende stagionate sia le nuove start up a investire in tecnologia. “Si deve identificare con chiarezza dove l’innovazione si trova, spesso associata a un miglioramento che crea nuove opportunità di mercato. Ma una start up per essere innovativa deve qualificare bene l’opportunità e deve identificare gli ambiti che generano circoli virtuosi”.
Come dire: partire fin da subito con idee chiare, puntando anche a rinnovare con mentalità imprenditoriale le aziende più mature. Oramai le start up possono essere nuovi centri di competenze all’interno di aziende più stagionate.
L’Italia vanta secondo Granetto punte di eccellenza – la storica Olivetti, il contributo al successo di Apple e di Google, l’inventore del microchip – ma manca poi una vera capacità di industrializzazione per fare nascere vere economie di scala.
Nella videointervista le priorità per le imprese nel 2013. I giovani sono da valorizzare.

Emanuela Teruzzi
Autore: Emanuela Teruzzi
Direttore Responsabile
Emanuela Teruzzi Emanuela Teruzzi Emanuela Teruzzi

I contenuti di Techweekeurope.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




One reply to Gartner: start up come centri di competenza nelle vecchie aziende

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>