Verso una miglior comprensione delle certificazioni in Europa

Enterprise
Europa
0 0 Non ci sono commenti

A partire dal 2008, sarà definito un quadro utile per allineare i livelli di formazione nella Ue

Gli europei si scontrano spesso con diversi ostacoli, allorquando vogliono formarsi o lavorare all’estero. Per consentire una miglior comprensione dei sistemi di certificazione negli Stati membri dell’Unione, il Commissariato europeo dell’educazione, formazione, cultura e gioventù ha dato il via alla definizione di un Quadro europeo delle certificazioni destinato a seguire l’apprendimento di ogni soggetto nel corso della sua vita.

Il Quadro è uno strumento che cerca di trovare un allineamento fra i sistemi di certificazione dei vari paesi della Ue e, quindi, aiuterà lavoratori e istituti di formazione a comparare e meglio comprendere le qualificazioni di ciascuno. Esso si baserà su otto livelli di riferimento, che coprono il ventaglio delle certificazioni rilasciate alla fine del ciclo scolastico obbligatorio fino ai livelli più elevati della formazione universitaria e professionale.

Lo strumento metterà l’accento non più sui criteri (durata della formazione o tipo di struttura scolastica) bensì sull’evoluzione dell’istruzione. Questo riorientamento permetterà di valicare anche percorsi formativi originali, semplificando l’utilizzo delle certificazioni nei vari paesi europei e adattandosi ai diversi sistemi educativi.

Il Parlamento Europeo ha approvato la proposta della Commissione, apportandovi alcune modifiche. L’accordo politico è stato raggiunto e l’adozione formale dovrebbe partire dall’inizio del 2008. La raccomandazione prevede che gli Stati membri definiscano il legame fra i sistemi nazionali di certificazione e il Quadro entro il 2010 e dispone che titoli e diplomi nazionali menzionino, entro il 2012, il riferimento corrispondente nel Quadro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore