Un dominio sicuro ha un suffisso sicuro

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

F-Secure chiede all’Icann di istituire un nuovo dominio Internet per rendere
più sicuro il banking online

Secondo le ultime stime di Nielsen/Netratings, 8 milioni di italiani praticano regolarmente l’home banking, il 10% in più rispetto al 2005. Crescono di pari passo anche le frodi online. Secondo l’Fbi nel 2006 sarebbero state oltre 207 mila le denunce per frodi online nel mondo, con una perdita di 198,4 milioni di dollari: la più alta mai registrata fino a oggi.

Tra le proposte per ridurre i danni eccone una di F-Secure (società finlandese specializzata in tecnologia per la sicurezza It) per l’Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers): introdurre un dominio .safe (o anche .sure o .bank), che solo istituzioni finanziarie autentiche sarebbero autorizzate a utilizzare, previa registrazione con produzione di adeguate credenziali, il fenomeno delle frodi online potrebbe in parte essere arginato.

Queste le affermazioni di Mikko Hyppönen, capo della ricerca di F-Secure: ? Il nuovo dominio non risolverebbe il problema del phishing, ma certo potrebbe ridurlo. Se la concessione dei nomi a dominio con estensione .safe o .sure fosse rigidamente controllata, allora anche le aziende che si occupano di sicurezza avrebbero uno strumento in più su cui basarsi per controllare il traffico Web e le email; potrebbero sviluppare prodotti di sicurezza migliori e gli utenti si sentirebbero maggiormente protetti?.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore