Ricerca e sviluppo? Non ci sono soldi

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Uno studio della Commissione europea ha evidenziato che nel nostro continente
sono molto limitati gli investimenti delle imprese

Il risultato dello studio “The Key figures 2007 on Science, Technology and Innovation? condotto dalla Commissione Europea per analizzare la situazione nei paesi membri sotto il profilo della ricerca e innovazione non ammette deroghe: gli investimenti delle imprese nelle attività di ricerca e sviluppo sono molto limitati. E questo rappresenta una seria minaccia per l’economia europea che fonda le sue basi sulla conoscenza.

Il Commissario Europeo per la Scienza e la Ricerca, Janez Potocnik, sottolinea come la conoscenza costituisca un elemento essenziale per la competitività. Non c’è tempo da perdere: è necessario che le aziende investano nella conoscenza e che i governi adottino tutte le misure necessarie per supportarle.

Il rapporto, che ha considerato come ultimo anno di riferimento il 2005, evidenzia che le attività di ricerca e sviluppo nell’Unione Europea sono aumentante in modo lento ma costante nel decennio che ha portato al nuovo secolo. Ma nel 2001 il trend si è stabilizzato per poi calare sino all’1,84% nel 2005, cifra irrisoria se confrontata con quelle registrate in altre regioni industrializzate.

Numeri alla mano, vediamo che le imprese europee nel 2004 hanno investito in ricerca e sviluppo il 55% degli investimenti, rispetto al 64% degli Stati Uniti, al 67% della Cina e al 75% del Giappone e Corea del Sud.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore