Quando l’internalizzazione passa per l’Erp

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

La società Stevanato Group, nome di riferimento nel settore dei contenitori in vetro per uso farmaceutico, ha potuto affrontare con successo nuovi mercati grazie alla completa revisione del sistema informativo

Stevanato Group inizia l’attività nel 1949 a Venezia, quando Giovanni Stevanato, artigiano soffiatore di vetro, fonda la Soffieria Stella, specializzata nella produzione di flaconi. Nel 1959 l’azienda si trasferisce a Piombino Dese, paese tra Padova e Treviso. Nel 1971, nasce la Spami, che in pochi anni diventa leader nella progettazione e costruzione di macchinari di precisione per la produzione e il controllo di contenitori da tubo di vetro. Nel frattempo, la Nuova Ompi diventa leader mondiale nella produzione di tubofiale per insulina e tra i primi produttori al mondo di contenitori in vetro per uso farmaceutico.

Oggi, il Gruppo Stevanato è costituito da una holding direzionale e di partecipazione, la Stevanato Group srl, e da due divisioni:
Glass Division (Nuova Ompi, Alfamatic a Latina, Medical Glass a Bratislava), Engineering Division (Spami) a Piombino Dese, e Optrel, a Monticello Conte Otto (in provincia di Vicenza).

Nel 1990, i dipendenti dell’azienda erano 150, 500 nel 2001 e oggi arrivano a circa un migliaio; il fatturato è passato da 68 milioni di euro del 2002 a 125 milioni di euro previsti per il 2007, di cui il 60% proveniente dalle esportazioni. La direzione strategica della società prevede diverse attività di internazionalizzazione: l‘obiettivo è diventare fornitore globale dei maggiori gruppi farmaceutici. Nel mirino, i mercati di Nafta, Cina, Giappone, Europa dell’est e Russia. Nella prima area è in fase di realizzazione un insediamento produttivo in Messico. Per l’est europeo, è già attiva la Medical Glass di Bratislava, recentemente acquisita.

Per supportare al meglio crescita e internazionalizzazione, la società si è trasformata da azienda familiare in organizzazione strutturata di stampo manageriale. Contestualmente, è sorta l’esigenza di far evolvere i sistemi informativi con l‘introduzione di un sistema Erp, al cui interno integrare applicativi avanzati. Il tutto come parte di un disegno complessivo composto da tre elementi essenziali: comunicazione (audio video, via Outlook, file sharing e così via), telefonia (voice-over-Ip) e applicativi. “L’intento – spiega Mauro Stocchi, CFO di Stevanato Group – è di centralizzare tutto a Piombino Dese, ma ogni unità produttiva dispone di una propria struttura Ict”.

In precedenza, l’azienda si era affidata a un certo numero di software gestionali (alcuni fatti in casa, altri reperiti sul mercato), che avevano essenzialmente permesso di espletare l’attività di amministrazione e gestire l’avanzamento della produzione, senza alcuna integrazione. Questo comportava dati inattendibili, informazioni “in differita”, moduli essenziali non disponibili. In pratica non consentivano certo di gestire un processo di internazionalizzazione. “All’epoca – sostiene Stevanato – l’esigenza più sentita era quella relativa al controllo di gestione: era difficile capire dove si registravano le marginalità”.

A quel punto la società ha avviato una selezione per individuare un sistema integrato, “tagliato” per un’azienda manifatturiera, in grado di gestire il multisito estero, scalabile ed economicamente conveniente. Tale selezione ha coinvolto inizialmente 14 società, ma la “competizione finale” ha riguardato solo tre aziende. “Con queste siamo scesi un po’ di più nel dettaglio – afferma Stocchi – fino a fornire loro una certa quantità di dati sui quali preparare un modello il più vicino possibile alle nostre esigenze. Conditio sine qua non: personalizzazioni ridotte all’osso”. Un ulteriore criterio di selezione è consistito nella valutazione degli aspetti societari e finanziari dei candidati e le loro prospettive. “Si era in pieno periodo di crisi del settore It – sottolinea Stocchi -. Volevamo in qualche modo cautelarci per il futuro”. Alla fine, si è scelto Erp Baan di Infor, il sistema che, secondo le necessità di Stevanto Group, meglio di tutti rispondeva ai requisiti richiesti.

Oltre a molti elementi di attrattiva relativi all’ammininstrazione (controllo di gestione, magazzino, logistica), Infor presenta notevoli atout nella gestione della produzione. “Alla stregua dei tool per l’automotive – spiega Nicola Gianese, responsabile Organizzazione e Sistemi Operativi di Stevanato Group -, per noi è fondamentale la completa tracciabilità dei lotti, una capacità che il sistema di Infor possiede in forma nativa”.

Un altro aspetto importante sta nella doppia faccia dell’Erp di Infor, legato alla gestione della logistica: calzante per il mondo del packaging farmaceutico, ma anche per quello della produzione ingegneristica. In quanto Spami, spiega Gianese, produce le macchine in base a due modalità molto diverse tra loro: commessa e make-to-order. “In questo senso – aggiunge Stocchi -, la grande flessibilità dell’Erp di Infor consente di non toccare quasi per nulla la base di commessa e di fare solo ritocchi, ottimizzazioni, affinamenti, sulla parte di make-to-order. E pochissime personalizzazioni”.

Partito l’1 gennaio del 2006, il progetto Erp è stato completato in 9 mes
i. “L’adozione dell’Erp – afferma Gianese – ha portato un forte miglioramento nella gestione, capacità di pianificare, di lavorare sui costi, di eliminare del tutto le carenze del passato”. Benefici si sono registrati In ogni area, soprattutto in virtù della notevole integrazione offerta da Infor. Tra i tanti vantaggi, esi evidenziano la riduzione dei costi operativi e il miglioramento dell’efficienza, la migliore visibilità delle transazioni, la possibilità di prendere decisioni più tempestive. “Grazie alla sua forte adattabilità – conclude Stocchi – la soluzione Infor è in grado di garantire la certezza e la stabilità dei dati, evitando qualsiasi rischio di duplicazione o errore”.

Per il futuro, Stevanato Group sta già pensando a cosa “mettere sopra” l’Erp. Sono in fase di valutazione soluzioni di business intelligence, workflow, Crm, collaboration. L’obiettivo è di completare tutto il processo entro il 2008.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore