L’open source in una suite modulare

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Suite open source per le Pmi presentata da Sun Microsystems, si chiama
JikiBloom e proviene dai progressi del progetto Java Open Business

Una piattaforma frutto del progetto di Sun Microsystems Italia Java Open Business che cerca di proporre soluzioni aperte per le imprese che utilizzano la rete rete. La suite, dal nome scherzoso JikiBloom, ha come scopo il dialogo in un 7unico ambiente operativo tra i vari software specializzati in situazioni applicative diverse, in modo da semplificare l’utilizzo di software open source che non condividevano la stessa infrastruttura. La suite integra una soluzione di e-commerce con un gestionale per la gestione dei processi aziendali, un programma di business intelligence, un pacchetto office automation e un software Crm. Ma le aziende possono decidere di adottare anche un solo modulo presente nella suite.
Un fatto particolare lo troviamo nel team che ha sviluppato la piattaforma, composto interamente da personale italiano di due società di software da Mayking e ICTeam . Questo fatto ha permesso di gestire in modo adeguato tutte le normative del caso e altre particolarità tipiche delle Pmi del Bel Paese.
«La creazione di una comunità italiana per il progetto JikiBloom – commenta Gianni Vota, direttore del Java Open Business di Sun Italia – rappresenta un’ opportunità per molti operatori It che potranno sviluppare e diffusione nuove tecnologie open source, rinnovando la propria offerta di servizi e acquisendo nuove competenze».
Grazie alla nuova suite open source, Il progetto Java Open Business è anche molto vicino al mondo delle università, come dimostra la nuova alleanza con l’Università di Ferrara e con il Consorzio Ferrara Ricerche. La piattaforma può essere testate tramite il portale dimostrativo in cui, dopo aver creato un account, si possono provare i diversi moduli.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore