La lavatrice cinese “Made in Milano”

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Tramite un concorso sono stati selezionati tre giovani designer milanesi che
progetteranno una lavabiancheria destinata al mercato asiatico

Vivere un’esperienza irripetibile in una delle più grandi multinazionali del settore degli elettrodomestici. È questo il premio che i tre giovani designer milanesi Carlo Casagrande, Pietro Gottardi e Simona Iuculano hanno vinto grazie a ?Lavatrice cinese made in Milano?, concorso organizzato dal centro servizi alle imprese BIC La Fucina con il supporto della Provincia di Milano nell’ambito del progetto Creative industries Milan to China, al fine di promuovere in Asia l’industria milanese della creatività.

Per conto di Candy Group, i tre giovani progetteranno a Milano (dal 10 al 30 giugno) il restyling di alcuni modelli di lavatrice. In questa attività saranno affiancati da tre designer cinesi e supportati da BIC La Fucina attraverso momenti di formazione mirata. A luglio, Casagrande, Gottardi e Iuculano si trasferiranno invece in Cina, dove lavoreranno per un mese nella sede della Jinling, una delle fabbriche Candy situata a Jiangmen.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore