I Confidi aiutano quasi la metà degli artigiani

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Una ricerca curata da Fedart Fidi evidenzia il ruolo rivestito lo scorso anno dai Consorzi Fidi nello sviluppo delle Pmi

Nel 2006, il 42% degli artigiani si è rivolto ai Consorzi Fidi per ottenere i finanziamenti necessari allo sviluppo della loro attività. Questo è il rilevante risultato che emerge dalla 11° Indagine sul Sistema dei Confidi per l’Artigianato curata da Fedart Fidi, la Federazione Nazionale Unitaria dei 251 Consorzi e Cooperative Artigiane di Garanzia promossa da Confartigianato, Cna e Casartigiani.

Più in dettaglio, al 31 dicembre dello scorso anno, i Confidi aderenti a Fedart Fidi avevano attivi finanziamenti garantiti per circa 9,6 miliardi di euro (+5,4% rispetto al 2005). E di questi fondi, oltre 5,4 miliardi di euro erano stati erogati nel solo 2006 (+ 5,9% rispetto al 2005), a beneficio delle 693.096 imprese socie.

Da questi dati, risulta evidente il ruolo rivestito dai Confidi nello stimolare investimenti e creare nuova occupazione presso le Pmi e gli artigiani facilitando l’accesso al credito.

Con 1.150 milioni di euro di finanziamenti, il Veneto è stata la regione che più ha “approfittato” dei Confidi artigiani. Seguono l’Emilia Romagna, con 740 milioni di euro, e la Lombardia con 714 milioni di euro. Nell’ordine, chiudono la classifica, Puglia, Sardegna, Sicilia, Calabria e Basilicata (8,5 milioni di euro finanziati).

Da sottolineare il basso tasso di insolvenza: la media nazionale è del 2,1%.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore