Finanziamenti più facile con le nuove norme Ue

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Minore burocrazia, migliore accessibilità e maggiore trasparenza con le nuove
norme europee che riguardano i programmi di finanziamento Ue

L’Unione Europea stanzierà nei prossimi sette anni quasi mille miliardi di euro per i suoi progetti di crescita e sviluppo. Ma al di là della cifra cospicua l’Unione ha anche modificato i dispositivi di accesso ai finanziamenti, che entreranno in vigore dal prossimo 1° maggio. Con le nuove norme finanziarie sarà decisamente più facile partecipare e accedere ai programmi di finanziamento. Le innovazioni sono significative soprattutto per le piccole imprese. Le sovvenzioni fino a 25mila euro, infatti richiederanno meno formalità burocratiche e i ricercatori avranno la facoltà di richiedere fondi individuali per la ricerca.
Il buon uso del denaro della Ue è garantito anche da maggiore trasparenza, dato che tutti i beneficiari saranno resi noti. Si inizia da 2008 per i fondi relativi agli aiuti regionali e alla cooperazione allo sviluppo e nel 2009 sarà la volta delle sovvenzioni agricole. Per prevenire i casi di frode e di corruzione, poi, sarà attivata una rete informativa che collega tutte le parti interessate.
Va osservato che i tre quarti del bilancio complessivo degli stanziamenti saranno gestiti direttamente dagli Stati membri, che dovranno riferire in dettaglio come sono stati utilizzati i fondi messi disposizione, sia per garantire l’efficacia del sostegno offerto, sia per tutelare gli interessi dei contribuenti europei.
Tutte le operazioni eseguite dalle istituzioni europee, infine, dovranno essere conformi alle disposizioni del regolamento finanziario applicabile al bilancio generale dell’Ue. Le ultime norme forniranno soluzioni migliori, più semplici e pratiche per tutti coloro che gestiscono i fondi europei, garantendo al tempo stesso un efficace controllo della spesa.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore