Emirati Arabi, terra di conquista degli artigiani italiani

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Sono 23 le imprese che a Dubai, all’interno della manifestazione “Index 2007”, hanno messo in mostra il meglio del settore del mobile e dell’arredamento lombardo

Tessile, illuminazione, mobili e arredamento. Sono questi i temi che caratterizzano la rassegna Index che annualmente si tiene a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti e che coinvolge i mercati di Medio Oriente, Asia e Nord Africa. L’edizione 2007, svoltasi dall’1 al 5 novembre scorsi, ha visto la presenza di ventitre imprese artigiane lombarde, per lo più della filiera legno/mobile/arredamento.

Al di là del successo ottenuto dalla rappresentativa lombarda, la Regione Lombardia prevede di avviare un’azione promozionale coordinata e continuativa per il settore legno-arredo. Già valutato nel corso di una scouting mission nel 2006, il mercato degli Emirati Arabi presenta infatti caratteristiche di capacità di spesa e trend di sviluppo che ben si coniugano con un prodotto di livello alto, come quello lombardo, rappresentando perciò uno dei principali sbocchi per la produzione lombarda, sia mobiliera che tessile.

“È per tale motivo – ha commentato l’assessore Zambetti – che l’assessorato all’Artigianato e Servizi ha deciso di puntare su questo promettente mercato, finanziando una serie di azioni che supportano le imprese artigiane di eccellenza ad affacciarsi a questo nuovo mercato”.

Tra queste iniziative, vi è l’idea di un road show in Lombardia che si terrà all’inizio del 2008 con lo scopo di avvicinare i nostri operatori a quelli degli Emirati. L’obiettivo è di sensibilizzare le imprese, gli operatori e i progettisti del settore degli Emirati Arabi a comprendere e a sviluppare opportunità commerciali in Lombardia.
Altra possibilità è quella di dar vita a una rappresentanza del settore mobile-arredo a Dubai, proposta discussa favorevolmente nel corso dell’incontro alla all’Italian Industry & Commerce Office di Sharjah.

Un ulteriore segnale di attenzione per la delegazione guidata dall’assessore Zambetti è venuto dagli amministratori della Airport Saif Free Zone di Sharjah, che hanno offerto alla Regione Lombardia la possibilità di aprire senza alcun onere un ufficio di rappresentanza all’interno dell’area.

La zona franca di Saif è infatti ornai considerata un’importante opportunità da circa 3.500 aziende di tutto il mondo, che vi si sono insediate ed esercitano attività sia produttive sia commerciali, ed è avviata a diventare il centro nevralgico di quel grande hub rappresentato dagli Emirati Arabi, punto di incontro e di smistamento nei confronti di una parte del globo sempre più vasta.

Fonte Portale Regione Lombardia

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore