Da HP nuovi server per le medie imprese

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Disponibili quattro modelli entry level della gamma ProLiant. A questi si uniscono una guida alla realizzazione di soluzioni applicative e il potenziamento del software di gestione remota

Il portafoglio server entry-level di HP ProLiant si arricchisce di quattro nuovi modelli destinati alle medie imprese che hanno limiti di spazio, budget e personale. Tali modelli sono i DL180 G5, DL185 G5, DL165 G5 e DL160 G5. Vediamoli un po’ più in dettaglio.

Il ProLiant DL180 G5 è un server a due processori (2P) a basso costo in formato 2U che offre la nuova architettura Intel quad-core, tre slot PCI- Express, alimentazione ridondante opzionale, fino a 12 drive hot-plug grande formato e 9 TB di spazio storage.
Server 2P 2U a basso costo e alta capacità, il ProLiant DL185 G5 è proposto come soluzione ideale per applicazioni di posta e messaging, acquisizione di video, giochi online e high-performance computing. Offre fino a 14 drive hot-plug grande formato, 10,5 TB di spazio storage, due schede di interfaccia di rete, tre slot PCI-Express e alimentazione ridondante opzionale.

Il ProLiant DL165 G5 punta principalmente sul rapporto prezzo/prestazioni/flessibilità. Server 2P 1U, è dotato di quattro drive per hard disk da 3,5 pollici per necessità applicative o richieste di capacità particolarmente impegnative.
Annunciato lo scorso novembre, il ProLiant DL160 G5 è finalmente disponibile sul mercato. Questo server è progettato per soddisfare le esigenze di imprese di medie dimensioni con ambienti high-performance computing: il suo fattore forma 2P 1U è infatti ottimizzato per la nuova architettura Intel quad-core. Il server è caratterizzato da due slot PCI-Express x16 2.0, supporta velocità superiori del bus frontale, offre opzioni per l’alta efficienza e una capacità storage doppia rispetto alle precedenti generazioni.

L’obiettivo di HP è di aiutare i clienti a risparmiare tempo e a incrementare la produttività delle risorse. Oltre che con le nuove macchine, la società ha cercato di raggiungere tale obiettivo anche potenziando le funzioni del software Lights-Out 100 Remote Management, attraverso aggiornamenti che assicurano una gestione del server più accessibile in remoto. Ma non solo, HP ha anche sviluppato nuove Midmarket Business Solutions volte a ridurre tempo e impegno che clienti e partner devono dedicare alla creazione o all’aggiornamento di applicazioni critical business per i server ProLiant entry-level.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore