Anche Microarea sperimenta il deposito dei bilanci in formato Xbrl

EnterpriseStart up
0 0 Non ci sono commenti

Assosoftware ha avviato una fase sperimentale del deposito del prospetto contabile attraverso una tassonomia univoca a livello nazionale, che sta coinvolgendo le principali sofware house italiane, tra cui anche l’azienda genvoese

Uno degli aspetti più problematici della redazione dei report finanziari è la necessità di dover conciliare dati provenienti da fonti diverse, che non seguono una standardizzazione comune.

Per ovviare a questa criticità, è da tempo in fase di sperimentazione a livello internazionale l’Xbrl (eXtensible Business Reporting Language), un linguaggio per la comunicazione elettronica di informazioni finanziarie, basato su standard Xml (eXtensible Markup Language), che fornisce la struttura per definire un dizionario dati condiviso delle voci utilizzate nei bilanci e per stabilire gli schemi utilizzati per rappresentare i dati.

Trattandosi di un formato interoperabile, bene si presta alla trasmissione elettronica e all’elaborazione automatica dei report emessi.

Anche in Italia è stato avviato un progetto per la creazione di un linguaggio di reporting finanziario comune basato sugli standard Xbrl. Protagonista di questa iniziativa è Assosoftware, l’Associazione nazionale Produttori di Software gestionali e fiscali, che, in accordo con Infocamere, ha avviato un’innovativa sperimentazione che sta coinvolgendo le principali sofware house italiane.

Seguendo la metodologia di progetto, Microarea ha presentato le istanze di bilancio ottenute con i moduli di Mago.Net in fase prototipale. Il feedback ricevuto da Infocamere sull’esito di questa prima fase di sperimentazione ha già avuto delle ricadute su alcuni aspetti tecnici che sono attualmente in fase di revisione all’interno dei prototipi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore