Stabile il mercato dell’It, secondo Gartner

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Nonostante la debolezza delle economie mondiali, la stima di crescita annuale resta attestata al 3,3%.

Gartner ha tastato il polso al mercato mondiale dell’It, per capire se in qualche modo i venti di recessione stiano già avendo effetti sui tassi di crescita stimati. Per il momento, la risposta è negativa, visto che la proiezione dell’andamento dei budget per il 2008 resta attestata su un aumento del 3,3%, senza cambiamenti rispetto a quanto previsto qualche mese fa.

È soprattutto la regione Asia-Pacifico a dare la spinta più consistente, con una crescita stimata intorno al 6%, mentre l’Europa si difende, con un più 3,86 previsto a fine 2008. Negli Usa, l’aria di crisi si farà sentire con maggior consistenza, tanto da aver convinto Gartner a rivedere al ribasso l’iniziale aumento del 3,1%, portandolo ora al 2,3%.

Per quanto si è potuto capire, gli allarmi sui prevedibili tagli ai budget It lanciati già guardando al primo trimestre dell’anno si sono rivelati esagerati. Gartner ha condotto interviste con oltre mille Cio nell’arco temporale compreso fra il 12 febbraio e il 12 marzo, pescando unicamente nell’universo degli utenti finali, non dei vendor o dei fornitori di servizi. Il 62% del campione ha dichiarato che il budget It non cambierà, mentre solo il 23% ha parlato di una riduzione, peraltro in parte contrastato da un 15% che prevede un aumento.

La valutazione su questo andamento sostanzialmente stabile è che i Cio sono stati prudenti fin dall’inizio nella costruzione dei budget It e quindi non hanno ora la necessità di procedere a significativi tagli. In realtà, è da quattro-cinque anni che i budget sono costruiti con grande cautela e questa modestia adesso sta pagando.

L’analista ha chiesto al proprio campione di intervistati se dispongono di un contingency plan, ottenendo una risposta positiva solo nel 32% dei casi. In base a quanto emerso, sembra che i Cio siano mediamente preparati ad affrontare tempi più duri, ma siano per ora convinti che non ci sia nulla di cui allarmarsi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore