Si delinea la strategia Ecm di Oracle

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

La versione 3 di Universal Content Management 10g va a rafforzare la parte
middleware di Oracle Fusion

Per Oracle, l’Ecm (Enterprise Content Management) non è una semplice tecnologia, ma una vera e propria strategia. Questo è stato il messaggio di base che Andy MacMillan, vicepresidente Product Management, ha trasmesso al pubblico intervenuto alla Fusion Conference di Roma e ribadito nel corso di un incontro esclusivo con Data Business. Oracle ha definito e focalizzato il proprio approccio alla gestione dei contenuti aziendali soprattutto dopo l’acquisizione di Stellent, completata nel novembre dello scorso anno. ?Sono tre le parti che compongono la nostra visione sul tema ? ha illustrato MacMillan -. Innanzitutto, partiamo da un’infrastruttura che fa parte del middleware e serve come base per lo sviluppo di nuove applicazioni. Poi, possiamo integrare pezzi di tecnologia che le aziende hanno già sviluppato in precedenza, anche su tecnologie diverse dalla nostra. Infine, ci occupiamo di gestire il contenuto strutturato o non strutturato, fornendo gli strumenti per la sicurezza e l’authoring, qualunque sia il media sul quale risiede il contenuto. In sostanza, non offriamo un semplice stack tecnologico, ma un approccio per far sì che le aziende possano sempre trovare e manipolare le informazioni necessarie quando servono?.

A seguito dell’integrazione di Stellent, Oracle ha delineato anche una roadmap che porterà, nei prossimi dodici mesi, al rilascio di nuove versioni dei prodotti che compongono una suite declinabile in tre linee principali, ovvero Universal Content Management, Universal Records Management e Imaging and Process Management. La gamma si rivolge soprattutto alle aziende che devono gestire un’ampia mole di informazioni, aiutandole a razionalizzarle, ordinarle e condividerle con altri interlocutori di business in modo sicuro. ?Molte sono le ricadute di questo approccio ? ha continuato MacMillan ? a cominciare dal supporto ai problemi di compliance normativa, per passare alla sicurezza sulla proprietà intellettuale, senza trascurare il supporto a progetti infrastrutturali, come le Soa, nell’ambito di una visione integrata del sistema informativo. In questo ci differenziamo dagli altri competitor del comparto, poiché non vediamo il problema dell’information da angolazioni specifiche, ad esempio lo spazio occupato sui dischi, ma come una componente essenziale per il business?. Oracle, dunque, indirizza i messaggi connessi alla Ecm Suite non semplicemente ai Cio, ma anche ai top manager, che possono capire l’importanza dei contenuti se li rapportano all’uso quotidiano dei loro laptop o delle loro e-mail .

Il primo prodotto della strategia Ecm è stato rilasciato in maggio e si tratta della release 3 di Oracle Universal Content Management, ovviamente integrata in Fusion Middleware e contenente componenti per la gestione di contenuti Web multisito, gestione di asset digitali, record e retention management, tracking dei contenuti e loro riutilizzo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore