Santa Rosa prende la forma del nuovo Centrino Pro

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Intel ha finalmente tolto i veli all’ultimo nato fra i processori per
prodotti mobile.

Intel ha lanciato la nuova piattaforma mobile destinata a incrementare ulteriormente le prestazioni dei notebook, riducendo al contempo il consumo energetico. Centrino Pro, prima noto con il nome in codice di Santa Rosa, consta di un processore, un chipset e una combinazione di transistor, ovvero i tre elementi costitutivi (qui aggiornati) dell’originale piattaforma Centrino, ormai risalente al 2003.

Centrino Pro contiene il processore Core 2 Duo a 65 nanometri, offre un bus frontside a 800 MHz e possiede la caratteristica di poter rallentare il processore quando l’utilizzo non è intensivo, ottenendo così un risparmio nei consumi. Sempre su questo fronte, va segnalata la presenza di una hard disk cache flash chiamata Turbo Memory, che dedica fino a 1 Gb di memoria per gestire file system e altri dati che il sistema operativo richiede al momento dell’avvio, quando riparte dopo uno spegnimento temporaneo o durante gli switch di applicazioni. Secondo il costruttore, con questa caratteristica, il caricamento delle applicazioni si dimezza e si guadagnano fino a 20 minuti di durata della batteria.

Intel ha anche potenziato il chipset per migliorare il display del notebook, risparmiando energia. Due o tre watt possono essere risparmiati e questo si traduce in un altro 10% di durata della batteria. Inoltre, il chipset supporta Active Management Technology, per aiutare gli It manager a gestire e diagnosticare pc remoti attraverso una connessione wireless.

Infine, Centrino Pro supporta una versione dello standard Lan wireless 802.11n, che deve essere ancora ratificato e propone trasmissioni dati teoricamente a 300 Mbps.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore