Nokia fa spesa nell’open source con Trolltech

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Lo specialista di telecomunicazioni si assicura, per 105 milioni di dollari, il produttore di Qt, un ambiente di sviluppo aperto

Nokia ha fatto sapere di avere l’intenzione di acquisire Trolltech, realtà norvegese specializzata nelle piattaforme di sviluppo software. Il numero uno mondiale dei telefoni mobili è pronto a pagare 105 milioni di euro per una società che impiega oltre 250 persone e che dovrebbe realizzare un fatturato di 28 milioni di euro nel 2007. L’esito positivo appare scontato, visto che Nokia ha già messo le mani sul 66,43% del capitale.

A prima vista, l’acquisizione può apparire sorprendente. In realtà, fa parte di una strategia di lungo orizzonte del produttore finlandese, che spera di orientare maggiormente l’attività verso il software e i servizi, per essere meno dipendente dalla vendita di terminali mobili.

Il principale prodotto di Trolltech è Qt, un ambiente di sviluppo multipiattaforma basato su C++, che permette di sviluppare applicazioni sotto Linux, Windows o Mac. A questo si aggiunge Utopia, un ambiente di sviluppo per piattaforme mobili ed embedded. Qt viene utilizzato da oltre 5mila clienti nel mondo, per applicazioni diverse per Skype, Google Earth o Adobe Photoshop Elements, ma anche con Kde, desktop grafico sotto Linux. Lo stesso ambiente è disponibile sotto licenza Gnu Gpl versione 2 e presto versione 3. Nokia non intende rimettere in discussione la scelta open.

Una volta che l’acquisizione sarà finalizzata, il framework Qt diventerà lo zoccolo software per tutta o parte dell’offerta hardware di Nokia, che si tratti di terminali basati su Nokia Os (Serie 40) o Symbian Os (S60). A partire da questo, il costruttore prevede di creare un ecosistema di produttori capaci di proporre un’offerta completa di software e servizi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore