Motivi e vantaggi della storage virtualization

Data storageEnterprise
0 0 Non ci sono commenti

Secondo un’indagine condotta da F5 Network la virtualizzazione dello storage è destinata a crescere in futuro, soprattutto in Europa

Il costo del lavoro crescente insieme alla necessità di una sempre maggiore affidabilità e disponibilità di prestazioni porterà ad un aumento dell richiesta di storage virtualization da parte dei mercati. L’analisi viene da F5 Network che ha condotto un’indagine da cui è emerso che il 37% degli intervistati ha attuato un progetto di virtualizzazione dei sistemi di archiviazione, facendo pronosticare ai ricercatori una crescita in questo senso pari al 65% nei prossimi due anni. L’80% ha spiegato questa evoluzione con la necessità di gestire storage eterogenei mentre il 70% ha in programma una pianificazione dei sistemi di archiviazione basati su file che costituiscono i due fattori trainanti nell’ambito di un processo decisionale focalizzato appunto sulla virtualizzazione dello storage.

Secondo Application Delivery Networking, tra i motivi principali dell’interesse che spinge le aziende alla virtualizzazione dello storage rientrano la riduzione dei costi e il moltiplicarsi crescente dei dati relativi agli utenti. Lo sviluppo di questo comparto si intuisce soprattutto dal fatto che in Europa solo un quarto delle aziende del panel, pari al 28% degli intervistati, ha nei propri data center una capienza tradotta in Petabyte mentre solo l’8% gestisce volumi misurabili in Exabyte e oltre. La media europea si attesterebbe tra i 51 e i 100 Terabyte per ogni data center. Inoltre più di un terzo delle aziende europee del panel non ha un piano di consolidamento della server farm. Secondo gli esperti, dopo una fase iniziale esplorativa oggi gli It manager stanno cominciando a realizzare i vantaggi connessi a una scelta di storage virtualization.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore