Microsoft finanzia le Pmi italiane

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Varata una nuova iniziativa per l’accesso facilitato al credito, purché
richiesto con l’intento di investire in tecnologie informatiche.

Si moltiplicano nel nostro Paese le iniziative per sostenere gli investimenti in nuove tecnologie soprattutto per le piccole e medie imprese. Microsoft Financing testimonia l’impegno diretto del big del software nel campo dell’accesso al credito. L’iniziativa si rivolge non solo agli utenti finali, ma anche ai partner e intende supportare i progetti di innovazione che, per difficoltà di budget o accesso al credito, queste aziende faticano ad avviare. Naturalmente, i finanziamenti erogati in questo modo sono in primis rivolti all’acquisto di prodotti della stessa Microsoft, ma si estende anche a progetti It più articolati, comprensivi di hardware, software e servizi. La procedura di richiesta del finanziamento è tutta gestibile online e passa necessariamente attraverso un partner di riferimento territoriale di Microsoft. Il pagamento ai partner avviene nelle 48 ore successive all’approvazione e da lì parte l’erogazione dei prodotti e servizi al cliente.

Ci sono due modalità di agevolazione creditizia previste in Financing. Il ?finanziamento puro? prevede che il cliente acquisti subito tutto ciò di cui necessita e poi paghi secondo un piano di ammortamento flessibile, in un arco di tempo da due a cinque anni, con rimborsi variabili. In alternativa, c’è il ?leasing finanziario?, un contratto che prevede il pagamento di un canone periodico e in cambio offre la disponibilità dei beni, con la possibilità di esercitare, al termine del contratto, un’opzione di riscatto all’1% del valore iniziale dei beni stessi.. Inoltre, fino al 30 giugno, indipendentemente dal finanziamento richiesto, il cliente pagherà 50 euro iniziali e poi potrà diluire il rimborso in 36 rate successive.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore