Il Web 2.0 gestisce le server room di Ibm

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

A un anno dall’elaborazione, il tool di mashup QedWiki inizia a fare i primi
passi, dapprima nell’integrazione dei software di amministrazione.

L’amministrazione delle server room è un soggetto fra i più sentiti dagli utenti che ancora devono tenere sotto controllo i costi operativi. Forte di questa constatazione, Ibm ha iniziato a proporre QedWiki Mashup Maker, uno strumento che, attraverso tecniche mutuate dal Web 2.0, permette al personale che lavora nelle server room di perdere meno tempo per operazioni di amministrazione.

Il software è in grado di combinare in un’unica interfaccia funzioni prese da diversi strumenti di amministrazione racchiusi nell’offerta Tivoli. Per questo, i ricercatori di Ibm hanno inserito architetture orientate ai servizi (Soa) all’interno dei prodotti Tivoli, per poi creare i corrispondenti ?widget?.

Attraverso Ibm Director, la piattaforma principale di Tivoli, gli utenti possono accedere all’intera biblioteca di widget e assemblarli semplicemente per ottenere l’interfaccia corrispondente alle necessità, anche se i tool provengono in origine da software Tivoli differenti. Poiché si tratta solo di un pannello di controllo e non di un software completo, ogni amministratore può creare il proprio insieme e farlo evolvere in relazione a tempi e necessità. Non c’è ancora una data di rilascio ufficiale per QedWiki Mashup Maker, ma le persone interessate possono già testarne una versione beta sul sito di Ibm.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore