Il software come servizio, nuova sfida per i Cio

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Al Symposium ItXpo di Cannes, Gartner ha evidenziato come le applicazioni Saas rischino di togliere controllo agli It manager.

I tre quarti delle applicazioni cosiddette Saas (Software-as-a-service, cioè fornite come se fossero un servizio su Internet) sono state fin qui acquistate dalle direzioni operative piuttosto che da quelle It. Il dato è stato evidenziato da Gartner nell’ambito dell’annuale Symposium ItXpo, che l’analista organizza tradizionalmente a Cannes. L’inevitabile conclusione è che i Cio devono fin d’ora farsi coinvolgere negli acquisti di soluzioni Saas, altrimenti esse entreranno comunque in azienda, che piaccia o meno alle direzioni informatiche.

Il modello Saas ha guadagnato credito perché ha attaccato efficacemente il tradizionale client/server. Secondo l’analista Ben Pring, c’è ancora molto software comprato dalle aziende, ma inutilizzato, com’è accaduto per il 65% delle licenze Siebel vendute prima dell’acquisizione da parte di Oracle. Inoltre, rileva lo specialista di Gartner, per un dollaro speso nell’acquisto di licenze se ne investono dieci nell’implementazione di un’applicazione. Il Software-as-a-service ha portato un’alternativa di scelta che, come ha dimostrato Salesforce.com, ha dato prova di funzionare.

Tuttavia, se i vantaggi appaiono chiari (flessibilità, costo limitato a ciò che si usa, assenza di manutenzione, implementazione rapida), c’è anche il rovescio della medaglia. Le licenze non costituiscono più un’attività e i Cio hanno minor controllo sulle applicazioni. Le problematiche di sicurezza e le relazioni con il fornitore delle applicazioni possono, così, diventare un problema, così come l’integrazione con i sistemi informativi, per natura più complessi. Inoltre, anche se ancora è difficile fare previsioni a medio termine, non è escluso che la formula Saas risulti più costosi nel lungo periodo, un po’ come accade per il leasing di un’autovettura.

Quale che sia il futuro, il crescente interesse attuale verso le applicazioni on demand rende indispensabile il coinvolgimento dei Cio già a livello decisionale. La loro conoscenza è necessaria per stabilire come una nuova applicazione si integra nel sistema esistente e come si possa abbinare un’interfaccia più amichevole con un’architettura sottostante robusta e industriale.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore