Il Puma di Amd attacca Intel nella mobilità

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

La risposta alla piattaforma Santa Rosa è una combinazione
processore/chipset per notebook dal nome e le caratteristiche aggressive.

Periodo ricco di annunci per Amd. Dopo aver presentato il futuro quad core Phenom per sistemi business, ora è la volta di Puma, la prossima piattaforma mobile, che andrà a fare concorrenza al Centrino 2 Duo di Intel, noto anche come Santa Rosa. Va però detto che il numero uno mondiale ha già reso disponibile la propria architettura, mentre i primi esemplari del concorrente non arriveranno prima della fine dell’anno e i pc di nuova concezione non saranno disponibili che nella tarda primavera del 2008.

Puma si baserà sull’abbinamento fra il chipset Rs780 e un processore a doppio core dal nome Griffin, prodotto a 65 nanometri e che dispone di 1 Mb di cache di livello 2. Questa combinazione, secondo Amd, potrà agevolare la produzione di portatili con una gestione dei consumi elettrici migliorata, così come di Cpu con un clock più elevato rispetto agli attuali Turion. I produttori potranno utilizzare anche chipset diversi da quelli di Amd, ma in questo caso alcune funzionalità di Puma resteranno inutilizzate.

Come già sottolineato, Amd arriva un po’ in ritardo rispetto a Intel nel segmento dei notebook, ma Puma dispone di alcuni atout. Ad esempio, imbarca un controller grafico che supporta Api Direct X 10. Sempre sul terreno multimediale, sarà possibile integrare un lettore Blu Ray o Hd-Dvd ai pc basati su Puma e aggiungervi un’interfaccia Hdmi (per la lettura di programmi ad alta definizione e di contenuti protetti). Per contrastare l’abbinamento di Centrino Duo o Pro e tecnologia Turbo Memory, Amd prevede di integrare un modulo di memoria flash battezzato HyperFlash, piazzato fra l’hard disk e il chipset, che permette di limitare l’accesso al disco, ridurre i tempi d’esecuzione di vari task ed economizzare i consumi elettrici. Infine, con PowerXpress, il sistema sarà capace di alternare l’uso della scheda grafica e del chipset integrato nel momento in cui la macchina passa dall’alimentazione elettrica alla batteria.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore