Ibm sempre più a braccetto con Linux

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Si rafforza la strategia di Big Blue nell’open source. Grazie a Novell il mainframe z è ora ottimizzato sotto Linux

La road map di Ibm definita nell’ottobre del 2006 parlava chiaro: rendere più facile agli utenti l’utilizzo dei propri mainframe. Così a maggio dell’anno scorso la società aveva siglato un accordo con Red Hat per un’integrazione semplificata di Rhel sulla famiglia System z che includeva lo sviluppo e il supporto della soluzione. Confermando l’obiettivo aziendale, Big Blue ha annunciato un progetto congiunto per cui Novell ottimizzerà Suse Linux Enterprise Server Starter System 10 per la famiglia di server System z.

Suse Linux potrà essere caricato sul mainframe Ibm utilizzando gli strumenti di virtualizzazione z/Vm e l’offerta comprende utility e strumenti di configurazione che supporteranno gli utenti a rilasciare macchine virtualizzate Suse-based. La server consolidation firmata Big Blue garantirà livelli di sicurezza e di performance portando, allo stesso tempo, una riduzione dei costi, grazie alla possibilità di poter sfruttare applicazioni Web based che girano su Linux. Secondo la società di consulenza Kusnetzky, infatti, il nuovo equipaggiamento consentirà di far risparmiare sull’hardware, sostituendo un consistente numero di sistemi industriali standard o sistemi midrange con un unico mainframe Syplex che potrà essere gestito come unità singola. I tool Ibm per l’amministrazione, il bilanciamento dei carichi di lavoro e la disponibilità renderanno la proposta un’alternativa ancora più interessante.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore