Gartner spinge i Cio a investire rapidamente sul VoIp

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Analizzando i frutti di una ricerca sulla unified communication, i ricercatori evidenziano i gap degli investimenti

Approfittando del summit Enterprise Networking and Communications, Gartner ha condotto un’indagine su un campione di 90 Cio per sondarne modalità di investimento rispetto alle infrastrutture di rete. Gli intervistati hanno dichiarato che i budget stanziati sono soprattutto finalizzati a ottimizzare i costi e ad aumentare la flessibilità ma la scelta di passare a tecnologie Ip e di convergenza fonia/dati richiede un aumento della spesa per ogni singolo utente dal 60 al 70%.

Secondo Gartner, la maggior parte delle aziende sta mancando l’obittivo più strategico in quanto, pur scegliendo di sostituire gli switch Lan dopo cinque anni, operazione più economica di quanto non sia mantenere i vecchi dispostivi, non sposa la causa della telefonia Ip. In pratica, pensando di spendere meno nell’immediato, in realtà si rinuncia a maggiori risparmi sul medio e sul lungo termine. Gli strumenti basati su Ip, infatti, comportano numerosi benefici, migliorando la qualità delle comunicazioni e contribuendo a rendere più efficiente la produttività aziendale. Portando a paragone la quantità di volte che sono stati dispositi a investire in un progetto di reingegnerizzazione gestionale, in alcuni casi reimplementato anche quattro o cinque volte, il consiglio degli analisti ai Cio è dunque quello di rivedere le proprie posizioni, cambiando approccio tecnologico. Ad eccezione dei call center, non sono molte le organizzazioni disposite a riconoscere il VoIp come investimento strategico mentre secondo Gartner è necessario cambiare e abbracciare una nuova vision orientata all’Ip.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore