Dai Sun Tech Days il futuro di Java e Solaris

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

La manifestazione italiana, che quest’anno ha integrato la Java Conference, è
servita per fare il punto sullo sviluppo di un linguaggio e un Os ormai del
tutto open source.

Per sviluppatori e addetti ai lavori, una manifestazione come Sun Tech Days, che si è svolta con tappe a Roma e Milano, è stata l’occasione per fare il punto sulle molteplici novità che hanno toccato negli ultimi mesi il mondo Java, ma anche quello Solaris. A cominciare dal fatto, sottolineato dal senior vice president Jeff Jackson, che il linguaggio creato oltre dieci anni fa dall’azienda californiana ?è oggi ormai completamente open source?, quindi affidato alla comunità degli sviluppatori per evoluzioni e arricchimenti, che peraltro Sun si riserva sempre di certificare.

Nel nutrito pacchetto di novità su questo fronte, spicca jMaki, framework Ajax di semplice utilizzo, che permette di creare applicazioni Ajax utilizzando tecnologie standard.

Dal lato server, jMaki integra l’indispensabile proxy XmlHttp e supporta i linguaggi di programmazione Java, Php, Phobos e Ruby. Esso dispone anche di plug-in per NetBeans 5.x e 6.0, ovvero l’ambiente di sviluppo integrato per Java e Sun. Dal lato client, invece, il framework si basa su Javascript, Html e Css e definisce un modello di widget che permette di creare componenti riutilizzabili di interfaccia grafica. In questo modo, è possibile integrare nelle applicazioni elementi terzi, come quelli di Dojo, Yahoo o Google, così come creare mashup (o mix di applicazioni).

Anche il mondo Solaris è stato oggetto di approfondimento ai Tech Days. Qui la novità più recente e significativa riguarda le migliorie apportate alla versione Express Developer Edition. La versione 9/07 prevede potenziamenti dell’usabilità per gli sviluppatori, in modo da rendere anche più rapidi i processi di sviluppo applicativo. L’aggiornamento gratuito offre un nuovo installer, finalmente modificato dai tempi della versione 8 di Solaris. Inoltre, viene proposto D-Light, un nuovo tool front end a interfaccia grafica, che potenzia la tecnologia di dyna mic tracing di Sun, conosciuta come DTrace. La Developer Edition, infine, includa anche nuovi driver wireless e il supporto della tecnologia Enhanced SpeedStep di Intel.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore