Borland: Metriche di sviluppo troppo complesse per le aziende

Enterprise
0 0 Non ci sono commenti

Un’indagine commissionata da Borland evidenzia le criticità a monte della progettazione applicativa

Analizzando i progetti applicativi di una ventina di aziende con un fatturato annuale superiore al miliardo di dollari Forrester ha evidenziato la difficoltà che ha il management nell’utilizzare i parametri che aiutano a determinare il successo dello sviluppo. Secondo Borland, che ha commissionato al ricerca, lo staff It non sa che cosa deve rilasciare ed è per questo che le metriche risultano molto utili per determinare la bontà o meno di un progetto applicativo.

Per gli analisti sono due le criticità che in particolare determinano la scarsa applicazione delle metriche succitate: da un lato il lavoro di raccolta dei dati necessari per stilare i parametri e i costi connessi e, dall’altro, la sopravvalutazione di quella che Forrester ha soprannominato le metriche superficiali. Quasi la metà delle aziende intervistate, infatti, ha ammesso che la raccolta dei dati è una vera sfida e molti responsabili hanno dichiarato che quasi un terzo del loro tempo è dedicato a questo genere di attività.

In dettaglio, nella fase di progettazione l’assenza di metriche atte a descrivere il lavoro che deve essere oggetto dello sviluppo informatico costituisce il più grosso gap della programmazione. Senza un sistema di misurazione capace di definire il valore del business, i responsabili dello sviluppo applicativo non sono in grado di comunicare ai propri utenti il loro contributo alla bottom line ma nemmeno di prioritizzare il lavoro in base alle reali necessità del business. I team di sviluppo lottano con le complessità tecniche connesse alla evidenziazione e all’aggregazione di quei valori necessari a stabilire quali sono le metriche necessarie.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore