La sicurezza aziendale di Checkpoint in una “bolla”

Data storage
0 0 Non ci sono commenti

Con ZoneAlarm ForceField, la società mette il browser degli utenti aziendali
in una sorta di area protetta, combinando tecnologie di vitualizzazione e
security activity.

Dai laboratori di CheckPoint arriva una soluzione di sicurezza virtuale on-demand per i browser che permette agli utenti finali di effettuare operazioni bancarie e acquisti online, o di navigare in aree Web a rischio senza limiti o pericoli.

ZoneAlarm ForceField, che sarà disponibile nel primo trimestre del 2008 al costo di 30 dollari, cancella tutte le informazioni personali dopo una sessione di navigazione Web per proteggere ulteriormente la privacy dell’utente online. Tra le funzionalità vi sono virtualizzazione del browser, una potente tecnologia anti-phishing, Spy Site Blocker di ZoneAlarm (già presente nella nota ZoneAlarm Internet Security Suite), oltre a numerosi altri strumenti di difesa nei confronti di download pericolosi.

Cuore tecnologico della soluzione, un motore di virtualizzazione allo stato dell’arte associato a strati di sicurezza attiva che proteggono i surfer all’interno di una ?bolla di sicurezza’ a due vie, salvaguardandoli dalle minacce del Web, così come da spyware e keylogger che potrebbero già risiedere sul pc. ForceField sfrutta la potenza di Smart Defense Advisor di Check Point, un servizio hosted che permette all’azienda di offrire agli utenti protezione in tempo reale dalle minacce zero-hour. Tra i plus della soluzione, la disponibilità di una versione istantanea da implementare su qualsiasi pc che non richiede alcuna operazione manuale e che può essere utilizzata in qualsiasi momento su qualunque macchina, senza interferire con le routine Web dell’utente.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore