I server enterprise di Hp potenziati da un quadri-Itanium

Data storage
0 0 Non ci sono commenti

Quattro processori su un doppio blade dovrebbero assicurare una potenza assimilabile a quella della fascia rx6600

L’ultima novità di Hp sul fronte dei server si chiama Bl807c e si configura come un doppio blade, che può ospitare fino a quattro Itanium 9100 a doppio core. Lo chassis è di tipo C-Class e può ospitare ogni tipo di blade con processori x64.

Anche questo è un segnale della diffusione generalizzata del formato blade, più denso e foriero di risparmi, ma soprattutto più adatto, rispetto al rack, per un’amministrazione centralizzata di un’architettura di sistema granulare e virtualizzata. Nell’ambito della propria visione del data center di nuova generazione, Hp spinge sulla facilità di amministrazione delle lame, una facilità che si estende fino al livello prosaico, ma costoso, del cablaggio. L’ottimale sfruttamento del potenziale dei blade, infatti, comporta uno sforzo in termini di formazione e competenze, ma è a questo prezzo che si possono ottenere risparmi fino al 25% in termini di consumi energetici e anche in manutenzione.

Con il blade Bl807c, si ottengono prestazioni paragonabili a quelle degli rx6600, server di fascia media, anche se la capacità di 96 Gb si scontra con quella da 192 Gb di questi sistemi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore