IBM rilancia sui sistemi LinuxONE con nuovo software e un refresh hardware

CloudServer
0 2 Non ci sono commenti

i sistemi mainframe LinuxONE guadagnano diverse funzioni collegate alla gestione del cloud e, tra qualche tempo, nuove versioni delle piattaforme hardware

Per IBM è giunto il momento di rilanciare la piattaforma mainframe LinuxONE, dopo il debutto dello scorso agosto con i sistemi Emperor e Rockhopper. Big Blue lo fa soprattutto potenziando le sue funzioni per gli ambienti di cloud ibrido, ma agendo anche in diverse altre direzioni tra cui anche nuove versioni delle piattaforme hardware.

Lato cloud quello che spicca è l’ottimizzazione di Cloudant e StrongLoop per l’ambiente Linux mainframe, in modo da ottenere un ambiente Node.js scalabile e permettere agli sviluppatori di creare le loro applicazioni lato server con il linguaggio che preferiscono. Cloudant, un database NoSQL che archivia i dati in formato JSON, comune per i dati mobile, consentendo agli utenti di risparmiare tempo grazie all’archiviazione dei dati in modo nativo nel sistema, senza la necessità di convertirli prima in un linguaggio diverso. StrongLoop fornisce strumenti per sviluppare API utilizzando Node.js, ambiente basato su JavaScript.

LinuxONE Emperor
LinuxONE Emperor

Per quanto riguarda l’hardware, IBM ha annunciato un rinnovamento dei due server Emperor e Rockhopper. Le nuove versioni saranno più veloci e avranno una maggiore capacità di elaborazione. La disponibilità è prevista per il prossimo marzo.

Novità anche per l’ecosistema che IBM sta realizzando intorno all’ambiente LinuxONE. Dopo il porting del linguaggio Go sviluppato da Google, si segnalano ora una collaborazione con SuSE per l’utilizzo dei tool SuSE come piattaforma di gestione per ambienti cloud basati su LinuxONE e il debutto della (già annunciata) distribuzione Ubuntu per la piattaforma IBM. Insieme alla distribuzione arrivano anche i tool Ubuntu per il cloud: Juju, MAAS, Landscape e tra qualche tempo l’hypervisor LXD.

A marzo sarà poi disponibile, gratuitamente, la IBM Open Platform (IOP). È un insieme di strumenti basati su Apache e mirati al settore Big Data, che comprende tra l’altro Spark, HBase e Hadoop.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore